Un emozionante percorso fra storia e attualità, visitando i luoghi più conosciuti di Torino

Durata

Il percorso può essere effettuato piacevolmente a piedi, anche con tempo inclemente, grazie ai diversi tratti coperti da portici.

Consigli per la visita

Nel percorso proposto dovrai scegliere quali siti visitare internamente che richiedono mediamente un paio d’ore. Se hai poco tempo a disposizione ti consiglio di visitare il Museo del Cinema e poi salire sulla Mole Antonelliana, che sono sicuramente i luoghi più originali di Torino. Se hai più tempo consiglio anche Palazzo Reale e il Museo Egizio.

Ma quello che devi fare come prima cosa è dotarti della TorinoCard, che ti permetterà di entrare gratuitamente in tutti i siti turistici di Torino. Qui trovi tutte le informazioni sulla TorinoCard.

Gustosità

Lungo il percorso potrai ammirare alcuni dei Caffè storici di Torino, la cui raffinatezza degli interni si coniuga perfettamente con le prelibatezze della pasticceria torinese.

Per una sosta pranzo consiglio “Mercato Centrale” a Porta Palazzo, mix di cucine italiane ed internazionali. Se invece vuoi scoprire la cucina piemontese ti consiglio uno dei ristoranti di Piazza Vittorio Veneto, la più bella (per me) piazza di Torino.

Quello a cui non dovrai rinunciare è ammirare al tramonto la città dall’alto del Grattacielo Intesa San Paolo, sorseggiando un cocktail al Lounge bar Piano 35.

Ti consiglio anche la guida “scopriretorino.it: percorsi per turisti curiosi”, dove troverati le informazioni dettagliate su tutti i percorsi proposti per la città di Torino. La puoi scaricare direttamente dal box oppure richiederla via mail.

Breve descrizione del Percorso

Si parte da Piazza Castello, al centro della città. Qui si trovano Palazzo Reale e Palazzo Madama, entrambi Patrimonio dell’Unesco.

Sul tetto di Palazzo Reale Immagine di Palazzo Reale a Torinotroneggia la meravigliosa Cappella del Guarini, dove è custodita la Sacra Sindone. Palazzo Madama nasconde, dietro la sua elegante facciata, la fortezza medievale che puoi ammirare girando intorno alla costruzione.

Imboccando via Palazzo di Città ti troverai catapultato nel reticolo di vicoli della città medievale, con i grandi palazzi nobiliari, le sedi di storiche banche e gli antichi tribunali, fino a raggiungere Piazza Palazzo di città, dominata dalla sede del Comune di Torino.

Imboccando via Milano (attenti al tram) e poi via Santa Chiara si raggiunge il Santuario della Consolata (per i torinesi la Consolata), con il suo bellissimo campanile romanico e la facciata neoclassica. Nella piccola piazzetta si trova il Caffè Al Bicerin, dove fu inventato il Bicerin, il gustosissimo caffè con cioccolata e crema di latte. Consiglio vivamente di degustarlo, sorseggiandolo in modo che l’amaro del caffè si fonda con il cioccolato per poi inebriarsi con la dolcezza della crema di latte.

Verso il Balon

Girando intorno al Santuario si raggiunge Piazza Emanuele Filiberto, dai palazzi con i romantici abbaini, oggi uno dei luoghi della movida notturna, dove anche d’inverno ci si incontra all’aperto per bere (“far serata” come si dice a Torino).

Piazza Emanuele Filiberto conduce a Porta Palazzo (per i torinesi Porta Pila), il mercato all’aperto più grande d’Europa. La vastissima piazza ottagonale ospita nella parte alta il mercato dell’abbigliamento e il mercato dei prodotti agricoli. E’ un susseguirsi continuo di banchi, dove colori, sapori, profumi, suoni, ricordano i suk mediorientali.

Nella parte bassa della piazza si trova L’Antica Tettoia dell’Orologio dove resistere alle bontà esposte diventa un’impresa titanica (almeno per me). Sull’altro lato ha sede Mercato Centrale, che raccoglie una vastissima offerta multi-etnica di ristorazione veloce ma di alta qualità. Sotto al Mercato Centrale è possibile visitare le Ghiacciaie di Torino, gli ambienti sotterranei dove fino al secolo scorso si stipava il ghiaccio utilizzato per conservare e refrigerare gli alimenti.

Dietro al Mercato Centrale si trova il Balon, il mercato dell’antiquariato, del vintage e del collezionismo. Mercatino dell'antiquariatoLungo le sue stradine acciottolate si trovano negozi di rigattieri e artigiani del tempo andato. Ogni sabato le stradine di Borgo Dora si riempiono del variopinto mercatino degli ambulanti. La seconda domenica di ogni mese si tiene invece il Gran Balon con oltre trecento rigattieri provenienti anche dall’estero. Un appuntamento da non perdere per fare un tuffo nei propri ricordi o, per chi è più giovane, scoprire oggetti una volta d’uso comune, ormai dimenticati.

La Torino bimillenaria

Tornando verso il mercato di Porta Palazzo, con una breve deviazione lungo Corso Regina Margherita si raggiunge la Porta Palatina (per i torinesi Porte Palatine), la porta meglio conservata al mondo dell’antica civitas romana. L’immensa costruzione oltre i giardini è la Galleria Sabauda, una ricca pinacoteca che custodisce fra le più belle collezioni pittoriche presenti in Italia.

Poco oltre si scorge il Duomo di Torino, una costruzione dall’aspetto modesto, ma ricca di storia e di tradizioni. Attraversando una breve galleria che costeggia il Duomo si ritorna a Piazza Castello.

Storia e Gustosità

Sotto i portici di Piazza Castello si trovano altri due caffè storici, il Malussano e il Baratti&Milano, i cui interni dal soffitto a cassettoni e dalle grandi specchiere alle pareti possono farti rivivere i fasti degli inizi del secolo scorso. Anche qui consiglio di fare una sosta per assaggiare una delle goduriose torte al cioccolato di Baratti&Milano o un originale tramezzino, che fu inventato proprio qui, al Bar Malussano. Oppure di prenotare il Tour dei Caffè storici.

Imboccando via Po all’angolo con via Montebello all’improvviso si erge fra gli storici palazzi la Mole Antonelliana, simbolo di Torino.

Salone centrale del museo del cinemaAl suo interno ha sede il Museo del Cinema, che racconta l’affascinante storia di una delle forma artistiche più emozionanti. E’ possibile anche salire sulla Mole Antonelliana utilizzando l’ascensore trasparente che attraversa la cupola Antonelliana fino a sbucare sulla Terrazza Panoramica, dalla quale oltre alla bellissima vista sulla città, si scorgono il Monviso, il Gran Paradiso e il Monte Rosa.

Proseguendo per via Po si arriva a Piazza Vittorio Veneto, la più bella (per me) piazza di Torino, un spazio prospettico che arriva sul Po e dal quale si ammira la pre-collina torinese. Qui è possibile pranzare all’aperto in uno dei tanti locali, alcuni dei quali sono fra i più rinomati per la cucina piemontese.

Sullo sfondo di Piazza Vittorio, al di là del Po, si trova la Chiesa della Gran Madre, la cui storia e i cui segreti possono essere scoperti partecipando al tour Misteri e Leggende di Torino.

La città ottocentesca

Imboccando via della Rocca e proseguendo per via Giolitti si ammirano palazzi storici e spazi verdi fino a raggiungere piazza CLN, dove si trovano le due statue che rappresentano i fiumi di Torino, il Po e la Dora.

Si accede quindi a Piazza San Carlo, il salotto di Torino. La meravigliosa prospettiva della piazza, dal simmetrico fronte dei palazzi, le due chiese “quasi gemelle”, gli aristocratici portici, diventano uno spettacolo senza tempo. Soprattutto al tramonto quando le luci si accendono e la notte oscura il cielo. Sotto i portici si trovano altri due caffè storici della città, riconosciuti dall’Associazione Locali Storici d’Italia, dove fare un tuffo nella storia risorgimentale italiana.

Da Piazza San Carlo prendendo via Lagrange, la strada dei negozi più esclusivi della città, si raggiunge il Museo Egizio, il più importante al mondo, dopo quello de Il Cairo, per la ricchezza e la varietà dei suoi reperti.

Poco oltre il Museo Egizio si trova Piazza Carignano, un’altra affascinante piazza, sulla quale si affaccia Palazzo Carignano, una struttura architettonica dalle forme molto originali, che ospita il Museo del Risorgimento.

Il tour proposto è finito. Da qui puoi rientrare a Piazza Castello percorrendo via roma, per un giro di shopping. Oppure puoi raggiungere la Mole Antonelliana o il Grattacielo Intesa SanPaolo, per ammirare un emozionante tramonto sulla città.

Non dimenticare di acquistare la TorinoCard, che ti consente di accedere gratuitamente a tutti i siti storici di Torino, e di avere una riduzione di prezzo per i principali servizi turistici quali l’autobus turistico (city sightseeing) o la salita sulla Mole Antonelliana.
Qui trovi utili informazioni su come arrivare a Torino.
Ti vuoi fermare qualche giorno in più? Ecco alcuni miei consigli su dove dormire.

Se desideri rimanere aggiornato sugli eventi a Torino iscriviti alla nostra Newsletter.